LO SCRIGNO MAGICO

Non ti arrendere se non sei uno scrittore,
ma attingi direttamente al tuo…


Scenario: sfondo nero

Ma va! mi ci vedi?
Sembra facile!
Io che prendo un foglio bianco, la penna…..un po' di silenzio o un sottofondo musicale e…
fuggo lontano!
Ma no, che dico….
…….
…..Invece SI'…fuggire….ma, dove?? verso l'isola che non c'… naturale…l'isola che non c' ma in realt esiste, dentro di noi…basta cercarla!
E' buio, come dare luce alle cose? come raccogliere quelle parole che come pietre si sono incastonate nei meandri della mente, dell'anima, del cuore? Cammino a tentoni con il mio piccolo bagaglio, ho paura di cadere. Nel silenzio odo in lontananza delle parole di vento, mi sfiorano il volto come la lieve brezza del mattino.
D'improvviso, come un lampo nella notte, l'energia subceleste contenuta nel vento di parole si impossessa della mia mente e…scivola dentro l'anima fino al cuore.
Sento un formicolio nelle dita….vorrei scrivere!!! ma il buio m'impedisce di vedere. Riesco a sedermi e mi concentro sull'energia che poco prima mi aveva rapito. Chiudo gli occhi, anzi li lascio aperti….tanto buio….dalla grossa pietra su cui sono seduta, improvvisamente….si stacca una delle parole che vi erano incastonate: CRISTALLO.
Sono felice. Con il fuoco dello stupore che si acceso in me in quell'istante, afferro il cristallo e con la luce riflessa scrivo….scrivooooo. Le parole sembrano uscire come da una sorgente e fluire…fluire….fluire come un fiume.

Cambio scenario: 2

D'un tratto, come se fossi entrata nel cuore del tempo, mi sento fluttuare, le parole prendono corpo e…allora….E' VERO….l'impossibile esiste!
Mi alzo di scatto e comincio a correre nella distesa del prato azzurro che si apre di fronte ai miei occhi…casco. Mi rotolo, mi tuffo….e, come rapita da un'onda senza spuma, ecco che mi ritrovo immobile…a galleggiare sul mare: fisso il cielo. Il mio corpo trasparente, iridato…m'increspo.
Il sole si oscura e la luce all'improvviso si spegne…..vento….mi sollevo su, su, sempre pi in alto fino a disperdermi nell'aria in mille bollicine d'argento.
Volo e raggiungo quei due gabbiani erranti che librano nell'aria senza confini, vibriamo insieme in vorticosi giri di danze fino a che le nostre ali sul mare si trasformano in stelle….
………………………….
Hei ma dove sono? non sonoe….TU sei!
TU?!!
Cosa ne dici del mio viaggio?
Ah, s….ho capito….
Rifletto un momento e ti rispondo: "mi piace troppo leggere libri, per scriverne uno"!


N.d.A: le parole sottolineate sono i personaggi, le parole o frasi-chiave e l'aforisma messi a disposizione dal gioco